1953: COME NACQUE L'UNIONE SPORTIVA "ABELE MARINELLI"

Note di Giuseppe Suardi in occasione del 30 anniversario di fondazione

Il Gruppo Sportivo nacque dall'esigenza di seguire, coordinare ed organizzare l'attivita'; sportiva che stava nascendo e sviluppandosi nel nostro paese per merito di pochi giovani. Prima di allora si giocava alla palla elastica sulla strada e nel campo dell'Oratorio e si partecipava a qualche torneo nei paesi vicini, ma non vi era niente di veramente organizzato.

Nel 1953 alcuni giovani cominciarono a partecipare a gare di corsa in montagna ottenendo ottimi piazzamenti e le prime vittorie. Cominciarono anche le prime riunioni presso l'Oratorio con un gruppetto di amici che, stimolati dall'allora curato Don Carlo Pellegrini, formarono l'Unione Sportiva che assunse la denominazione di "Abele Marinelli", per ricordare il giovane amico perito durante una ascensione sulla montagna che domina Comenduno. Piano, piano l'Unione Sportiva allargo' la sua attivita' verso altri sport, con l'intento di coinvolgere e farvi partecipare il maggior numero possibile di persone. Proseguendo negli anni, crebbe l'amore per lo sport e soprattutto per la montagna, si comincio' a tirare i primi calci al pallone, a partecipare a gare di sci, a corse in bicicletta e via di seguito con i risultati che oggi parlano da soli.

A 30 anni dalla nascita si puo' dire (senza falsa modestia), ricordando le molte vittorie ottenute dai nostri atleti e i successi organizzativi, che il G.S. ABELE MARINELLI e' una bella realta' e che con l'aiuto di tutti dobbiamo impegnarci a mantenere, migliorare, ampliare e potenziare.