VALLE DELLE MESSI

Giovedì, 13 Ottobre, 2022

Buona la seconda (programmazione)!

Oggi il meteo ha rispettato le previsioni ed abbiamo avuto una giornata serena.

Il richiamo dell’alta Valcamonica e delle prime propaggini del Parco dello Stelvio ha convinto molti a partecipare e siamo, peraltro, il parità fra uomini e donne: 8  più 8.

Il piacevolissimo tepore del sole nella mattinata ci ha favorito durante la salita; nel primo pomeriggio, invece, mobili nebbie alte hanno avvolto il sole e le cime più alte facendoci nettamente percepire la bassa temperatura di 4/5 gradi che ci segnalavano già di prima mattina i termometri delle nostre auto.

Il giro ad anello verso i tre laghi di Monticelli e poi verso il bivacco Linge e  che, da qui, ritorna a S.Apollonia, da cui siamo partiti, è segnato benissimo e per la maggior parte non presenta difficoltà. C’è però un tratto traverso, nel versante verso il bivacco Linge che, sebbene ben scavato nella montagna, fa una certa paura ai meno esperti per l’estrema ripidezza della pendice montana che sul lato destro scende senza barriera alcuna verso fondovalle.

E’, a questo punto, necessario, per fare una buona descrizione della odierna escursione, che non si parli solo del bel paesaggio, del bel panorama, dei bei boschi, dei bei colori dei tre laghi di Monticelli, della neve fresca che nei giorni scorsi ha imbiancato i monti intorno fino a poco sopra i 2500 metri, dei camosci avvistati, ecc. ecc.,  bellissime realtà che ci hanno gratificato,  ma che si parli anche delle persone, i nostri “angeli”.

E valga il vero.

Succede che sopra i 2000 metri di quota Antonietta comincia a sentirsi col respiro corto ed allora, con la guida e l’aiuto di Sandro ha accorciato la salita dirigendosi per un sentiero più  basso direttamente verso il terzo lago e poi verso il bivacco Linge, ritrovo stabilito per tutti.

Vi giungono un’ora prima ed accendono la stufa che ha diffuso un piacevole tepore.

Armando, come sempre, è  un instancabile “navigatore” che, talvolta davanti ma più spesso dietro,  si accerta pazientemente che tutti arrivino a destinazione.

Emilio ed Oliviero, con la loro esperienza, hanno aiutato, soprattutto nel tratto impegnativo di cui ho parlato sopra, le più timorose.

 Emilio, poi, in particolare, portate in zona sicura le ragazze del gruppo in testa, ha risalito la mulattiera traversa per andare a portare aiuto e sicurezza anche a gruppo arretrato.

Tutti al bivacco si sono ampiamente ritemprati e l’ora si è fatta un po’ tarda.

 La restante discesa, passando al bel rifugio Valmarza, non è  lunga  ed è molto comoda.

Verso le 16,30 siamo in auto per il rientro.

                                                   Rosanna

 

Partecipanti n. 16: Adriano S., Anna, Antonietta, Armando, Emanuela, Emilio, Fausto N., Gigi, Giliola, Marta, Nando, Oliviero, Renata, Rosanna, Sara P., Sandro.

Lunghezza percorso Km. 15 e Mt. 700 - Dislivello complessivo Mt 1170. -