Cross di Perola 2018: un altro grande successo

Domenica, 21 Gennaio, 2018

Accompagnata da una splendida giornata, Domenica 21 Gennaio 2018 si è tenuta la seconda edizione del "Cross di Perola", corsa campestre organizzata dalla collaborazione delle società G.S. Marinelli, Atl. Oratorio Albino e Bergamo Stars. La competizione, valida per l'assegnazione dei titoli provinciali per le categorie govanili, si è rivelata un gran successo con oltre 500 partecipanti. Il tracciato, ideato dagli organizzatori, ha messo a dura prova anche i corridori più esperti, con discese tecniche e irte salite. 
La gara degli atleti Promesse e Senior maschili, 5 giri per un totale di 6 km, è stata tra le più combattute, con un podio che si è definito solo negli ultimi metri. Vince Agostini Francesco, lasciandosi alle spalle Kabir Hicham (vincitore del titolo provinciale assoluto) e il beniamino della valseriana Palamini Michele, mentre tra gli Juniores emerge Lotta Alessandro dell'Atletica Valli Bergamasche. 
La sfida femminile, su un tracciato di circa 3km, ha visto il trionfo di Galassi Samantha che conquista il titolo provinciale per la categoria Senior davanti a Silvia Cuminetti del Gav Vertova e Sara Nadir del Pool Alta valle Seriana . Notevole anche il quarto posto assoluto della giovanissima Sonzogni Chiara (campione provinciale categoria Juniores). 
Grande partecipazione anche tra le categorie più giovani, con molti atleti al debutto dopo il passaggio di categoria per il nuovo anno. Nella lotta per i titoli provinciali sono emersi Locatelli Claudia dell Atletica Bergamo 1959 (Allieve), Kabir Zakaria Atletica Valle Brembana (Allievi), Begnis Chiara Atletica Valle Brembana (Cadette), Birolini Andrea Bergamo Stars (Cadetti), Pizzoccheri Emma Marilde Pol. Cappuccinese (Ragazze) e Bizzoni Lorenzo Us Scanzorosciate (Ragazzi). Infine tra i giovanissimi Esordienti vince Maccherone Riccardo Pol. Atl. Brembate Sopra , mentre nella categoria femminile trionfa Ghisalberti Martina dell' Atletica Valle Brembana 
Per finire, i complimenti vanno alle società organizzatrici e a tutti i partecipanti che sono stati in grado di regalarci forti emozioni.

J.A.